ILLHA DO SAL – ISOLA DI SAL

INTRODUZIONE GENERALE DI SAL.

Isola di Sal L’Ilha do Sal è la porta d’accesso a Cabo Verde grazie alla presenza del principale aeroporto internazionale dell’arcipelago. Sal, nota in passato per le sue saline, è oggi famosa per le sue vastissime spiagge di sabbia finissima, lambite da un mare cristallino con acque tiepide. Un paesaggio spettacolare ricco di contrasti naturali. La spiaggia più famosa, lunga 8 km, è quella di Santa Maria che prende il nome dal villaggio omonimo, all’estremo sud dell’isola. In questa cittadina, vivace e ospitale, i numerosi negozi e il mercatino offrono ai visitatori prodotti caratteristici dell’artigianato locale. All’imbrunire poi le strade ed i bar si animano di magiche atmosfere fatte di musiche e danze sensuali. Le serate a Santa Maria vengono scandite al ritmo di coladeira, batuko e funanà.

ILLHA DO SAL – ISOLA DI SAL

Sal è un’isola dell’arcipelago di Capo Verde e il suo nome significa Isola del Sale. Viene chiamata così dopo la scoperta e lo sfruttamento dei depositi di sale da cucina subentrando all’originale dell’Isola Plana così battezzata quando venne scoperta nel 1460.

GEOGRAFIA E LOCALIZZAZIONE.

Sal è una delle isole più vicine al Continente Africano ed è influenzata da condizione climatiche simili a quelle che, alla stessa latitudine si verificano nel continente. E’ un isola molto arida, con accentuata erosione che l’ha resa nei secoli completamente piana nonostante la sua origine vulcanica. Il punto più elevato dell’Isola è Monte Vermelho con 406 mt. Ha una forma allungata, da nord a sud la sua massima estensione è di 30 km mentre da est ad ovest non supera i 12 km. La superficie totale è di 216 kq. E’ la principale porta di ingresso nell’arcipelago di Capo Verde poiché dotata del principale Aeroporto Internazionale cosa che ha reso Sal facile da raggiungere ed è di conseguenza la più frequentata dai turisti.

STORIA.

Scoperta nel 1640, ebbe originariamente il nome di LLANA o PLANA il nome SAL subentra dopo la scoperta di una laguna nel cratere di un vulcano estinto detto oggi PEDRA DO LUME, che dopo l’epoca delle piogge si ricopriva di sale.
Praticamente deserta, era pascolo per le greggi appartenenti ai residenti della vicina BOAVISTA; solo con lo sfruttamento del sale ha avuto inizio un’attività economica significativa divenendo esportatrice di quel prodotto fino alla metà di questo secolo.
Per la necessità di stabilire un porto di scalo per i voli verso il Sud America sorge su iniziativa italiana nel 1939, l’aeroporto internazionale il cui sviluppo determinò la migrazione interna, soprattutto da S.NICOLAU verso quest’isola; ciò ha reso possibile lo sfruttamento di moderni complessi turistici che negli ultimi 20 anni si sono installati a Santa MARIA, regione di antiche saline e che offre come principale attrazione le estese e meravigliose spiagge e il mare, ottimo per tutti gli sport nautici.

ARTIGIANATO

A Sal non c’è artigianato proprio locale dell’isola ma si trovano molti oggetti significativi dell’artigianato dell’Arcipelago e molti oggetti etnici importati dal vicino Senegal. Cd di musica capoverdiana, oggetti in cocco, terracotta, legno, tessuti batik colorati e prodotti alimentari come il tonno di S. Nicolaõ, il Grogue e il Ponche di St. Antaõ sono in ogni negozietto delle città.

GASTRONOMIA

Pesce, aragoste e frutti di mare, sempre freschissimi, alla brace, al forno, fritti e con contorno di verdure sono i piatti principali del menù dei ristoranti di Espargos e Santa Maria. Allo stesso tempo, specialità capoverdiane, ricche di condimenti, costituiscono un’alternativa gustosa e appetitosa come la Cachupa piatto emblema della tradizione culinaria capoverdiana. Si tratta di una zuppa gustosa a base di legumi, in particolare fagioli, conditi con mais, tapioca, carne di pollo e maiale e pesce. Non mancano grigliate di carne, pollo, maiale e il formaggio di capra di Maio. Le bevande prodotte sull’isola sono il Grouge  bevanda distillata ottenuta dalla lavorazione della canna da zucchero al alto grado alcolico e la birra Clep’s e Ceris che si accompagnano benissimo a qualsiasi pietanza

SPORT E TEMPO LIBERO.

IL mare é la principale attrazione e i complessi turistici di STª MARIA, dispongono di mezzi e attrezzature necessarie per praticarli. Pesca, windsurf, o semplicemente il nuoto, sono ragioni sufficienti per trascorrere vacanze differenti a STª MARIA.
E poi, le passeggiate a piedi, in bicicletta o in jeep attraverso un’isola che ha trovato la sua principale vocazione nel turismo di qualità. Animate discoteche renderanno la notte più esotica e attraente. L’isola di Sal è certamente tra le più attrezzate dell’arcipelago per la pratica di sport acquatici, specie per il katesurf e windsurf  praticati a Ponta Preta mentre gli amanti del mare rimarranno a bocca aperta per lo spettacolo offerto dalla piscina naturale di Burracona.

TURISMO VISITE ED ITINERARI.

Se l’arcipelago di Capo Verde, nelle varie Isole, conserva ancora i propri ritmi e il proprio stile di vita, caratteristico della comunità creola, i tratti costieri dell’Isola di Sal, soprattutto nei dintorni di Santa Maria, nel corso degli ultimi anni hanno registrato una fortissima crescita dei flussi turistici e di conseguenza dei servizi e delle attività ricettive, con la costruzione di numerosi villaggi, resort, appartamenti e hotel. Anche se l’edilizia e le attività legate al turismo ed il numero di turisti che raggiungono Sal sono tutt’ora in crescita; a misura d’uomo e vero specchio dell’anima capoverdiana rimane la zona del molo dove quotidianamente si svolge tra gli abitanti della zona la vendita del pescato.

ESPARGOS è il capoluogo dell’Isola; la sua importanza è dovuta alla vicinanza con l’aeroporto che ne ha permesso lo sviluppo. Nel capoluogo vive stabilmente gran parte della popolazione locale.

SANTA MARIA è un paese di 6000 abitanti, che mescola la tradizione cala dell’arcipelago con la vita movimentata delle località turistiche. Il paese offre un centro culturale, l’Aldeiamento Turistico del Moroerira, posto in un’antica casa portoghese  restaurata e un vivace mercato di prodotti africani, in particolare senegalesi, il tutto in un dedalo di stradine, calme e tranquille affacciate sul mare. La vera attrazione è la spiaggi di sabbia bianca e il suo scalcinato pontile di legno. E il punto di ritrovo , utilizzato dai pescatori che partono e ritornano sulle loro piccolo e coloratissime barche ai ragazzi che con i loro tonni a penzoloni sulle cariole da muratori partono alla volta del mercato o degli alberghi.

BURACONA. La piscina naturale di Buracona, è l’apertura di una grotta sottomarina, Qui la sabbia bianca lascia il posto alle rocce di origine vulcanica, testimonianza di antiche eruzioni terminate in mare. L’Occhio blu è un buco nella roccia di 12 metri che a mezzogiorno, quando il sole è a picco, riflette la luce formando un’immagine spettacolare.

PEDRA DO LUME. E’ il posto più pittoresco dell’Isola, cratere dell’antico vulcano, dove un tunnel artificiale scavato nel 1804 per consentire l’estrazione del sale porta all’interno delle saline. L’acqua che evapora molto lentamente lascia uno strato di sale di mille colori per effetto dei diversi minerali presenti. Dal paese di Pedra de Lume arrampicandosi su una strada sterrata che costeggia l’antica teleferica in legno si arriva all’ingresso del tunnel scavato nella roccia nel 1804, da qui si prosegue a piedi sbucando dal ventre della montagna nell’antico cratere. Il sale ricavato viene stivato in sacchi e destinato al consumo interno. In una piscina di sale si può fare il bagno in un’acqua tiepida che è 35 volte più salata di quella del mare.

PALMEIRA a 7 chilometri ad ovest di Espargos è il porto di Sal. Si tratta di un piccolo porto commerciale dove attracca anche il traghetto per le altre isole. Ai margini, c’è il riparo per le barche da pesca e per qualche yacht di passaggio.

BAIA DE FONTONA ad ovest, sotto il porto di Palmera. Piccola oasi con palme. Su questa spiaggia hanno luogo i festeggiamenti di S.Ana (ultima settimana di luglio).

 

BAIA DO  ALGODOEIRO piccola oasi a sud ovest. La spiaggia è assolutamente vergine e si prolunga, verso S.Maria, sino a Ponta Preta, luogo caro ai surfisti, e, a nord sino Calheta Funda (bella spiaggia sabbiosa) e al villaggio turistico di Murdeira.